Richiedi un appuntamento

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.

Prenota la tua visita per il trattamento ERNIA!

NUOVA TECNICA CHIRURGICA PER LA RIPARAZIONE DELL’ERNIA INGUINALE MINIMAMENTE INVASIVA IN ANESTESIA LOCALE, SENZA DOLORE E CON RIPRESA DELL’ATTIVITÀ LAVORATIVA E SPORTIVA DOPO 15 GIORNI.

Una nuova tecnica che attualmente sta riscuotendo buoni risultati negli Stati Uniti d’America (dal 2014 sono stati eseguiti con questa tecnica 4.000 interventi con ottimi risultati) è la plastica inguinale con protesi per via preperitoneale aperta che viene eseguita anche nella riparazione delle ernie inguinali primitive.

Chiamaci 329.6188510 per più informazioni






    Dott. Giuseppe De Santis

    CHIRURGO GENERALE E COLORETTALE

    La mia esperienza nella chirurgia protesica dell’ernia inguinale comprende circa 8.000 casi operati fino al mese di Ottobre 2019 ed è una delle casistiche più numerose in Italia. L’avvento della chirurgia protesica nell’ernioplastica, come abbiamo visto, ha notevolmente ridotto l’incidenza della recidiva ma l’incidenza del dolore post-operatorio nelle varie casistiche riportate in letteratura può arrivare fino al 30%. L’incidenza del dolore è più alta nei pazienti giovani ed in quelli che già accusavano il dolore prima dell’intervento. Nella genesi del dolore un certo ruolo viene attribuito alla protesi che comportandosi da corpo estraneo crea una reazione infiammatoria più o meno intensa sulla base delle difese del paziente. Questa risposta infiammatoria coinvolge le strutture a contatto con la protesi e anche i nervi della regione causando secrezione, dolore, infezioni, danni al testicolo, migrazione e rigetto della stessa protesi. Ma oggi proprio per ridurre l’incidenza di queste complicanze c’è la possibilità di utilizzare la via aperta preperitoneale minimamente invasiva in anestesia locale o la via laparoscopica.

    Chiamaci 329.6188510 per più informazioni